Prenota ora
Richiedi Informazioni
Prenota on-line e ricevi i seguenti benefit:
  • Miglior Tariffa Garantita
  • Late check out (su disponibilità)
  • Welcome cocktail all'arrivo
  • Wi-fi gratuito
  • iPad gratuito
×

Roma e l'arte

  • GALLERIA BORGHESE

    Quante volte avete sentito il nome di questi artisti straordinari, Raffaello, Caravaggio, Veronese, Bernini, Canova? Quanto volte avete visto la Venere di Cranach, o l’Amore Sacro e l’Amore Profano di Tiziano, o la Paolina Borghese, scolpita da Canova? Bene è tutto qui, sono tutti capolavori della Galleria Borghese.

    Questa magnifica collezione d’arte si trova all’interno della Villa Borghese Pinciana, di proprietà della nobile famiglia Borghese dal 1580. Il nucleo della raccolta è rappresentato dalla collezione di sculture e quadri del cardinale Scipione Borghese (1579-1633), nipote di Paolo V e futuro mecenate di Gian Lorenzo Bernini. 

    Nel 1607 papa Paolo V incrementò la collezione del nipote assegnandogli 107 dipinti confiscati al pittore Giuseppe Cesari, detto il Cavalier D’Arpino. L’anno dopo entrò nella raccolta Borghese anche la Deposizione di Raffaello, sequestrata clandestinamente dalla cappella Baglioni, nella chiesa di San Francesco a Perugia.
    Nel 1807 Camillo Borghese vendette a Napoleone Bonaparte 154 statue, 160 busti, 170 bassorilievi, 30 colonne e vari vasi che formano il fondo Borghese del Louvre

    A vostra richiesta, sarà un piacere prenotarvi una visita privata alla Galleria Borghese in compagnia delle migliori guide.

  • GALLERIA BORGHESE - photo 1

GALLERIA BORGHESE

Quante volte avete sentito il nome di questi artisti straordinari, Raffaello, Caravaggio, Veronese, Bernini, Canova? Quanto volte avete visto la Venere di Cranach, o l’Amore Sacro e l’Amore Profano di Tiziano, o la Paolina Borghese, scolpita da Canova? Bene è tutto qui, sono tutti capolavori della Galleria Borghese.

Questa magnifica collezione d’arte si trova all’interno della Villa Borghese Pinciana, di proprietà della nobile famiglia Borghese dal 1580. Il nucleo della raccolta è rappresentato dalla collezione di sculture e quadri del cardinale Scipione Borghese (1579-1633), nipote di Paolo V e futuro mecenate di Gian Lorenzo Bernini. 

Nel 1607 papa Paolo V incrementò la collezione del nipote assegnandogli 107 dipinti confiscati al pittore Giuseppe Cesari, detto il Cavalier D’Arpino. L’anno dopo entrò nella raccolta Borghese anche la Deposizione di Raffaello, sequestrata clandestinamente dalla cappella Baglioni, nella chiesa di San Francesco a Perugia.
Nel 1807 Camillo Borghese vendette a Napoleone Bonaparte 154 statue, 160 busti, 170 bassorilievi, 30 colonne e vari vasi che formano il fondo Borghese del Louvre

A vostra richiesta, sarà un piacere prenotarvi una visita privata alla Galleria Borghese in compagnia delle migliori guide.

OK

Visitando questo sito, acconsente all'uso di cookie per fini comprendenti la pubblicità e l'analisi.
Ulteriori informazioni